"Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente,
senza fine"

Virginia Woolf

giovedì 30 ottobre 2014

L'angelo musicante, di Massimo Donà

 

 La copertina del libro edito da Mimesis, 2014



Caravaggio appare costantemente impegnato a liberare le cose dallo “spazio” cui sembra destinato il loro esistere quotidiano; e lo fa a favore dell’esplicitazione di una sorta di “ritmo” originario. Quello di cui le cose medesime mostrano di essere, ai suoi occhi, gelose custodi. Perciò abbiamo cercato di mostrare come il Merisi dipinga; ritrovandosi sempre e comunque mosso all’atto pittorico da un furore essenzialmente musicale; e quindi dalla volontà di riconsegnare le cose tutte al fondo abissale, nero e indecifrabile, che, solo, è in grado di ricordarci quel che, nelle cose medesime, pulsa ingovernabile, senza aver comunque nulla a che fare con i “significati” alla luce dei quali siamo soliti recepirle.

Massimo Donà è nato a Venezia il 29 ottobre 1957. Si è laureato nel 1981 a Venezia con Emanuele Severino. Ora è professore ordinario di Filosofia Teorica Presso l’Università di Filosofia dell’Università Vita-Salute San Raffaele. Per i tipi di Mimesis ha già pubblicato: Il mistero dell’esistere. Arte, verità e insignificanza nella riflessione teorica di René Magritte (2006), L’aporia del fondamento (2008), La “Resurrezione” di Piero della Francesca (2009), Il tempo della verità (2010), Abitare la soglia. Cinema e filosofia (2011), La terra e il sacro. Il tempo della verità (libro + DVD) (2011).


www.mimesisedizioni.it

Nessun commento:

Posta un commento