La copertina del libro edito da Piemme, 2014




Nel Cile di Allende, pieno di speranze ma anche di sotterranea violenza, Sophie è un’artista che elabora i suoi silenzi nei dipinti e nelle poesie. E nell’amicizia con Morgana, l’amica più grande, più scaltra, più estroversa. E poi c’è Diego, padre di Sophie, donnaiolo e sognatore, che lavora con passione al fianco di Allende. Ma quando tra lui e Morgana nasce un amore travolgente, Sophie vede tutti i suoi equilibri spezzarsi e, spaventata dalla propria fragilità, scappa, il più lontano possibile. Molti anni dopo, quando Diego e Morgana saranno due nomi in una lista di vittime – vittime del regime di Pinochet e dei loro stessi, incauti sogni – Sophie tenderà una mano al passato. E tornerà a casa, a cercare Antonia, la sorella mai conosciuta, la figlia di Morgana e Diego, nata da quello che solo ora Sophie riesce a chiamare “amore”.
Da una delle più apprezzate scrittrici sudamericane, un romanzo di straordinaria potenza che, sullo sfondo di pagine disperate della storia cilena, illumina ogni angolo dell’anima dei suoi indimenticabili protagonisti.


www.piemme.it