"Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente,
senza fine"

Virginia Woolf

venerdì 3 ottobre 2014

Kantharos, di Paolo Giannini



 La copertina del libro edito da Annulli, 2014



 
Le vicende di questo scritto ruotano attorno al Calice usato da Gesù Cristo nel corso dell’ultima cena che, nei secoli, ha dato origine a leggende, studi e ricerche senza fine ove la fantasia supera e stravolge la realtà. Il Sacro Graal, nel quale il vino aspro della Giudea mutò sostanza per volere del figlio di Dio divenendo il Sangue umano e divino di Yehoshua ben Joseph. Per suo volere, “Fate questo in memoria di me”, si è perpetuato nei secoli un rito divenuto l’essenza stessa della religione cristiana.
In Kantharos confluiscono storia e mito, leggende e realtà, che la fantasia dell’autore lega in un modo originale. La narrazione focalizza gli avvenimenti in luoghi diversi e tra loro distanti, ma nel procedere delle vicende storiche tende tuttavia a concentrarsi in una determinata regione del centro Italia, la Tuscia, e in particolare a Viterbo, suo capoluogo. 



www.annullieditori.it

Nessun commento:

Posta un commento