"Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente,
senza fine"

Virginia Woolf

mercoledì 17 settembre 2014

L'ora di lezione, di Massimo Recalcati. Intervento di Alessandra Peluso.


 La copertina del libro edito da  Einaudi, 2014



Squillo della campanella per molti studenti, ma chissà per quanti ancora questo suono simboleggia l'eccitazione di un inizio scolastico e l'entusiasmo di imparare per crescere.
Crescere in una scuola smarrita - come la definisce - Massimo Recalcati è complesso: «La Scuola rischia di non essere più il luogo pubblico della formazione degli individui, la quale viene invece filtrata e organizzata in altri luoghi (televisione, internet), al di fuori del campo della cultura, lasciata in balia delle illusioni di cui si nutre il discorso capitalista». (p. 12).
“L'ora di lezione. Per un'erotica dell'insegnamento” è una critica acerrima alla scuola, e al contempo un'analisi obiettiva alla sua esistenza oggi, al suo esserci, a com'era in passato e come probabilmente dovrà essere in futuro, perché diventi un luogo di crescita e non di erudizione passiva e pedante, né peggio un luogo di perdizione. Così infatti appaiono molti ragazzi, passivi, persi, dei contenitori che ingurgitano informazioni a dismisura sino a raggiungere uno stato di anoressia, nella quale niente più a senso. Situazione che si potrebbe definire deprimente, le cui mancanze non sono da attribuire esclusivamente ai ragazzi.
Massimo Recalcati affronta un'anamnesi delle lezioni scolastiche, del rapporto insegnante-studente, proponendo in chiave psicoanalitica, una fantastica relazione d'amore tra i due soggetti che si incontrano, trasformando il sapere in un rapporto d'amore. Bellissimo e quantomai evolutivo e coinvolgente il testo di Recalcati; e in particolare, è a ben vedere, un libro che ogni insegnante dovrebbe leggere, e forse anche ogni studente che vorrebbe essere considerato un soggetto, protagonista, e non un oggetto, uno sterile contenitore da riempire: «Senza il desiderio di sapere non c'è possibilità di un sapere legato alla vita, capace di aprire porte, finestre, mondi». (p. 61).
Occorre fomentare nei ragazzi il desiderio di apprendere, conoscere con passione perché non ci sia un “vuoto di cultura”. La scuola come la droga – afferma Pasolini – è un surrogato, un surrogato della cultura. La droga viene a riempire un vuoto causato dal desiderio di morte e che è dunque un vuoto di cultura. Oltre a questa provocatoria e dolorosa affermazione pasoliniana scorre in “L'ora di lezione. Per un'erotica dell'insegnamento” un puro godimento, un'apertura al desiderio, un innamoramento verso altri mondi da esplorare. Sarebbe meraviglioso se ciò si realizzasse, se ci fosse “questo rapporto amoroso ed erotico verso la cultura che costituisce il più potente antidoto per non smarrirsi nella vita”. (p. 87). Complesso senza dubbio, ma possibile se solo si riesce a prendere la scuola per ciò che è, il suo valore insito e intrinseco e non un'alternativa alla strada che pure ha da insegnare.
Massimo Recalcati si sofferma dapprima sui tre grandi “complessi” che hanno investito e riguardano oggi la Scuola (da notare la S maiuscola che l'autore utilizza nel libro proprio per evidenziare la grandezza e l'importanza della Scuola): il complesso di Edipo, di Narciso e Telemaco sino a soffermarsi sul “trasporto erotico del sapere” e a “l'ora di lezione” dove il corpo diventa un libro, ossia il corpo sessuale non è solo strumento per il mio godimento, ma diventa qualcosa da poter leggere: libro erotico, libro fatto di carne, libro pulsionale. È un corpo che non si stanca mai di leggere e di divorare. È un corpo che diventa ammirazione per il mondo dell'Altro. La possibilità che il corpo diventi un libro, coincide con la possibilità dell'amore, l'incontro con l'altro, in quanto ogni incontro degno di questo nome è sempre un incontro d'amore.  (p. 86).
Affascinante lezione quella proposta da Recalcati, ammaliante, carismatica.
Nella conclusione amorosa e passionale - come poi dovrebbe essere la vita - si dipana  il mestiere dell'insegnante. Il maestro che non deve essere un padrone, comportando l'omologazione dei suoi allievi, in quanto - sostiene Deleuze - non apprendiamo nulla da chi ci dice di fare come lui. Vi è l'incontro spiazzante tra l'autore e la sua insegnante e la possibilità di considerarsi imperfetto, contingente, possibile all'inciampo; è l'incontro con l'ostacolo, infatti, che sia l'insegnante e sia l'allievo, e dunque ogni essere umano, è portato a riconoscere, a superarlo e a considerarlo fondamentale per crescere, altrimenti risulterebbe un'esistenza desertica. 
Tuttavia, il sistema “Scuola” costituisce il caposaldo dell'istruzione e pertanto, va supportato da un sistema politico evolutivo, progressivo che guardi al futuro dei giovani e non miri a stroncare la loro vita già precaria sul nascere, privando loro di punti di riferimento validi.  


http://www.affaritaliani.it/libri-editori/ora-di-lezione-erotica-insegnamento-160914.html

Nessun commento:

Posta un commento