"Talvolta penso che il paradiso sia leggere continuamente,
senza fine"

Virginia Woolf

mercoledì 3 settembre 2014

Il corpo segreto, di Vittorino Andreoli

 
 La copertina del libro edito da Rizzoli, 2014  




Cosa succede quando il malato è un grande psichiatra abituato a occuparsi delle sofferenze altrui? Vittorino Andreoli, da sempre abile narratore della fragilità psichica, descrive questa volta il proprio mondo travolto dall’emergenza. Una prova di morte che mostra l’esistere con colori e significati sconvolgenti e che cambia il senso della vita nell’arco di un attimo. Tutto accade quando Andreoli si accorge di essere preda di un’imponente emorragia vescicale proprio pochi minuti dopo aver concluso una conferenza sul “corpo malato”. Inizia così un cammino in cui si trova costretto a parlare della propria prostata impazzita ai medici, agli infermieri e poi ai familiari, alle persone che ama e con le quali si impone un rovesciamento delle regole ordinarie dell’esistenza. La malattia diventa l’amplificatore di un dolore privato che all’improvviso si rende manifesto a tutti. Andreoli racconta con estremo coraggio i suoi sentimenti dapprima di stupore e poi di terrore in un romanzo autobiografico che sorprende per l’immediatezza del linguaggio, ma anche per l’ironia che i luoghi di cura suscitano accanto al clima di tragedia. Il corpo segreto riconduce proprio a quello che la pelle nasconde e che la scienza medica e l’irruzione della malattia ci mostrano in tutta la sua crudezza. Un corpo messo a nudo, spogliato, ma che può ancora insegnarci molto sulla nostra vulnerabilità. Perché se gli uomini sapessero di avere una prostata prima di scoprirlo attraverso l’esperienza deflagrante di un’emorragia, forse metterebbero da parte un po’ di quella superbia che li porta a giganteggiare per il mondo. 



www.rizzoli.eu

Nessun commento:

Posta un commento